giovedì 6 agosto 2015

La legge d'attrazione e la tavola dei desideri

La legge di attrazione si è manifestata ancora questa volta tramite la tavola delle visioni (o dei desideri). Sono riuscito ad attrarre a me le condizioni per realizzare un mio desiderio. Ecco come...


Cari lettori,
avevo spiegato come fare la tavola delle visioni, però a me piace di più definirla tavola dei desideri. Finalmente ho attratto a me le condizioni per poter ottenere un cellulare nuovo. Certo, non è molto spirituale come obiettivo però da qualche parte bisogna pur iniziare, non credete?

tavola dei desideri - legge d'attrazione

Legge dell'attrazione e le tavola dei desideri


Come suggerito dal film Il segreto ho iniziato a fare la tavola delle visioni. Ho affrontato questo esperimento come un gioco, mi sono divertito a ritagliare le foto ed ad attaccarle ad una tavoletta di sughero. Successivamente la tavola dei desideri l'ho messa proprio ai piedi del letto, una posizione strategica visto che la vedo ogni volta che mi sveglio e mi addormento.

Vi dirò che non ho fatto niente di particolare se non semplicemente ringraziare ed essere felice di avere ottenuto quelle cose (anche se fisicamente non le ho). Col tempo ci si fa l'abitudine ad avere la tavola delle visioni sempre in vista, tanto che a volte non ci facevo nemmeno caso. Però evidentemente la costante visione, anche inconscia, della tavola dei desideri porta ad un cambiamento importante del subconscio.
Tant'è che questo mese ho ricevuto a lavoro un aumento di stipendio (inaspettato), il mio vecchio cellulare non funzionava molto bene e da tempo che volevo cambiarlo e avevo bisogno di un dispositivo per restare sempre collegato per lavorare ai miei progetti in internet.
Ebbene, unendo i miei desideri con i miei bisogni e con l'opportunità che l'Universo mi ha donato (cioè l'aumento di stipendio) non c'ho pensato due volte ed ho agito.
Sono andato al primo negozio di elettronica ed ho comprato un nuovo cellulare, senza pensare se posso permettermelo oppure no. Senza fare molti conti. Senza vedere se con questa spesa sarei riuscito a tirare fino a fine mese. L'ho fatto e basta. Mi sono sentito bene e quei sensi di colpa per spendere "tutti quei soldi per un cellulare" non gli ho provati. Pensavo semplicemente che questo investimento mi avrebbe portato più soldi di quelli che stavo spendendo.

Quindi quando spendete dei soldi in cose che volete veramente abbandonate il senso di colpa e le preoccupazioni e godetevi il momento ma sopratutto pensate che quei soldi che date al cassiere ritorneranno a voi più numerosi.

Buona vita!


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Google+